0463.901263 info@outdoorsicuro.it

CHI SIAMO

RESCUE PROJECT

la Scuola Nazionale di Formazione Rescue Project leader nel settore della formazione e della prevenzione ha voluto creare questo strumento per tutte le persone.
La scuola infatti forma guide rafting, canoisti, si occupa in parte della formazione guide alpine per la parte canyoning, forma personale di soccorso ed  ha squadre di emergenza sul territorio nazionale.
La Scuola girando per tutto il paese ha potuto riscontrare che non tutte le strutture ricettive rispandono a standard di qualità  sufficienti per garantire un livello di sicurezza e professionalità adeguato.


Le attività proposte presentano comunque dei rischi e con l’aumento dei partecipanti la sicurezza deve aumentare notevolmente.

Outdoor sicuro è un portale che unisce vari centri sul territorio Nazionale che la scuola rescue project ha valutato come centri di alta qualità.  Possiamo dire che Outdoor Sicuro è uno strumento per  le persone, famiglie gruppi che cercano il massimo sotto tutti gli aspetti. Dal divertimento alla sicurezza.

Per questo motivo la Scuola Nazionale di Formazione Rescue Project leader nel settore della formazione e della prevenzione ha voluto creare questo strumento per tutte le persone.
La scuola infatti forma guide rafting, canoisti, si occupa in parte della formazione guide alpine per la parte canyoning, forma personale di soccorso ed  ha squadre di emergenza sul territorio nazionale.
La Scuola girando per tutto il paese ha potuto riscontrare che non tutte le strutture ricettive rispandono a standard di qualità  sufficienti per garantire un livello di sicurezza e professionalità adeguato.

PER FAR PARTE DI OUTDOOR SICURO UN CENTRO DEVE RISPETTARE DEI REQUISITI DI QUALITA’ E SICUREZZA:

  • Il Materiale che viene  fornito per le attività. Deve essere di buona qualità certificato e congruo con la valutazione dei rischi.
  • Assicurazioni: il centro deve avere assicurazioni che rispondano in caso di sinistro e di responsabilità.
  • Le guide rafting devono essere abilitate alla conduzione del raft. Per la parte sportiva viene riconosciuto il brevetto della Federazione Italiana Rafting, per la parte lavorativa viene riconosciuto anche il brevetto guida rafting professionale Rescue Project.
  • Tutte le guide devono essere iscritte al registro e con brevetto e in corso di validità come Tecnico soccorritore fluviale Rescue Project.
  • Tutte le guide devono essere in possesso del brevetto di BLS-D ovvero formazione al primo soccorso e rianimazione cardio polmonare.
  • Il centro e le sue guide devono promuovere la prevenzione e la sicurezza. Per questo motivo abbiamo creato il Safety Network. Nei centri dove è presente un istruttore Rescue Project è possibile svolgere una discesa rafting didattica, dove l’istruttore insegna i corretti comportamenti da tenere in acqua ed in fiume. Alla fine viene rilasciato l’attestato di partecipazione. Questo percorso è un valido strumento per le Scuole che svolgono gite scolastiche e decidono di affrontare un’esperienza sotto vari profili, quello della cultura, della scurezza e prevenzione.  Quale obbiettivo migliore in una gita se non quello di salvare i ragazzi?
  • Tutti i centri devono rispettare le linea guida della scuola di soccorso per la sicurezza in acqua.
  • DPI della guida mentre è in fiume. Troppo spesso si vedono guide con Dpi errati non idonei e non rispondenti alle normative vigenti.
  • I professionisti e il centro non devono avere condanne penali.

    Questi sono solo alcuni punti che la Scuola Rescue Project ha riconosciuto come elementi fondamentali per offrire una sicurezza e duna professionalità adeguata nelle attività come rafting, canoa, hydrospeed.
    Per tutte le altre attività come canyoning, tarzaning o altro il centro deve rispettare le normative italiane.